3 days ago

Crescere Insieme cooperativa sociale

Perché i bambini e i ragazzi, oltre a giocare di persona, amano guardare video di gamers mentre sono impegnati a giocare?
Ecco una possibile risposta da parte di Edugamers for kids 4.0Si chiamano Walkthrough e sono guide strategiche che descrivono la soluzione di un videogioco. Si trovano facilmente su YouTube sotto forma di video e illustrano passo passo lo svolgersi del gioco, le mosse da fare per vincere. Sono uno dei tanti modi che vengono utilizzati dai giocatori per crescere nella loro abilità di gioco. Basta digitare sui motori di ricerca la parola Walkthrough seguita dal nome del gioco di proprio interesse e quasi sicuramente uscirà qualcosa.
Oggi si impara a giocare non solo usando l’esperienza degli amici, ma anche cercando le soluzioni sul web per poi imitarle, provarle e riprovarle sino a padroneggiarle.
Noi genitori ci domandiamo spesso perché i nostri figli passano tutto questo tempo a guardare video di persone che giocano? Ecco qui, almeno in parte, una risposta.
... See MoreSee Less

View on Facebook
AENOR
Privacy Policy

la nostra storia_anni ’90. la crescita dell’impresa sociale

L’inizio degli anni ‘90 è tumultuoso: nascono l’assistenza domiciliare, l’educativa di territorio e di strada, si fondono le comunità di Piazza Chiesa e Via Madama, si apre la comunità per bimbi a Chivasso, si inizia il lavoro nel campo delle malattie terminali.

Fabrizio Ghisio, all’epoca presidente, lavora alla costruzione di reti cooperative tentando due avventure consortili e costruisce un rapporto solido con la nostra associazione di rappresentanza, ConfCooperative. La cooperativa cresce e dibatte sul tema dell’impresa sociale. Il gruppo dei fondatori sente sempre più la distanza tra gli esordi e la nuova situazione, ma nonostante questo non si consuma una rottura.

Nel 1994 cambia la guida della cooperativa: si insediano Mauro Maurino e Ivana Albano. L’inizio è abbastanza disastroso: perse due delle quattro gare d’appalto a cui sono per la prima volta soggetti i servizi storici della cooperativa. Dopo questa sconfitta, Crescere Insieme decide di proporsi anche al privato, oltre che agli Enti Pubblici. È una scelta vincente, resa possibile anche dai soci fondatori che costruiscono le premesse e gli incontri che caratterizzano il lavoro della cooperativa negli anni 2000: l’Associazione Giobbe e la Piccola Casa della Divina Provvidenza.