Dona il tuo 5 x 1000 – Scrivi 02467680019 nel modulo per la dichiarazione dei redditi

AENOR
Privacy Policy

Rulli Frulli, molto più di una banda

Questa storia è stata letta su una rivista nella sala di attesa di un dentista. Ha il merito di aver reso più lieve la preoccupazione per il piccolo intervento dentistico e di aver appiccicato addosso alla persona proprietaria dei denti qualcosa come un sottofondo di benessere almeno fino a sera. 

Pensiamo che questo sia sufficiente per decidere di condividerla con voi, che magari la conoscete già. In questo caso, però, raccontateci altri dettagli: ci interessa molto. (Scrivete a info@coopcrescereinsieme.org)

È la storia di una banda di musicisti, la Banda Rulli Frulli, nata nel 2010 a Finale Emilia dalla Scuola di Musica Andreoli.

Sono partiti in sette. Quando nel 2012 il terremoto ha raso al suolo la sede, i componenti erano saliti a quindici. Ma da quel momento, con le scuole chiuse a causa dei danni del terremoto e una grande quantità di tempo libero in avanzo, la Banda Rulli Frulli è diventata molto di più che una banda musicale: un modo di stare insieme, di resistere alla disperazione, di crescere come gruppo nonostante tutto. 

Adesso i Rulli Frulli sono 70, il più giovane ha otto anni, il più vecchio venticinque. Quindici componenti sono diversamente abili.

Non si suona soltanto, nella Banda Rulli Frulli. Ognuno dei ragazzi si crea il proprio strumento a partire da oggetti usati recuperati dal mercatino di Mani Tese, la onlus che ha ospitati la banda dopo il terremoto. A seconda del suono che si cerca, possono essere riutilizzati vecchi cestelli della lavatrice, pezzi di tubi, racchette da ping pong, grondaie - che diventano formidabili chitarre.

Qualche nome di questo progetto che ha del geniale? Il direttore della banda, nonché il suo ideatore, è Federico Alberghini. Assieme a lui a coordinare il variopinto gruppo di vite e di suoni, ci sono il suo vice Marco Golinelli, la responsabile della comunicazione Sara Setti e il tecnico dei laboratori Federico Bocchi. Ma non solo. Attivissimi sono anche i genitori dei ragazzi: fanno parte dello staff e seguono con passione merchandising e spostamenti.