AENOR
Privacy Policy

Comunità Crescere Insieme: si viene e si va

C’è una canzone di Ligabue che non riesco a togliermi dalla testa e che più di altre spiega quello che stiamo vivendo in questi ultimi mesi nella comunità Crescere Insieme. Alcune frasi poi sembrano proprio scritte per noi!

Si viene e si va, comunque ballando, pensando una vita forse non basterà...

È tempo di cambiamenti in comunità; alcuni progetti sono giunti al termine e i nostri ragazzi partono per nuove avventure! Ma lo fanno sempre con l’entusiasmo che li ha caratterizzati in questi anni, con la voglia di scoprire cosa riserverà loro la vita d’ora in poi, ma già sapendo che una vita sola potrebbe non essere sufficiente a recuperare un’infanzia così difficile. 

E per uno che va c’è sempre uno che viene e inizia questo nuovo cammino insieme a noi. E così il gruppo dei ragazzi cambia e si arricchisce di sguardi nuovi.

Si viene e si va tenendoci stretti, tenendoci dritti. Si viene e si va per sempre, fra gusto e dolore...

Anche l’équipe riaccoglie colleghi che tornano al lavoro dopo una pausa forzata e ne salutano altri che contiamo di rivedere presto, il tutto con un rinnovo di energie sempre utili. Tutti insieme, tenendoci stretti, per affrontare il bello e il brutto di questo nostro lavoro educativo.

Vai, vieni e vai, nasci solo e solo andrai, e in mezzo hai un gran bel traffico...

Perché la comunità è pur sempre uno spaccato di vita, fatto di incontri, scontri ed evoluzioni. E in questo tutto, ragazzi e operatori, siamo sempre soli, ad affrontare il gran traffico che la vita ci riserva! 

Con la consapevolezza però, che alla fine, da soli, non siamo mai.

Si viene e si va, cercandoci un senso, che poi alla fine il senso è tutto qua, si viene e si va...

E questa lezione in comunità la si impara subito. Il senso di tutto è che si viene e si va. Possono cambiare i ragazzi o gli operatori, ci saranno arrivi o partenze, che segnano la vita di tutti, ma sono uno stimolo a crescere sempre.

Si viene e si va cantando il motivo perché ci serve comunque un motivo...

Ma soprattutto ciò che conta è il motivo di questo continuo andare, perché serve sempre un motivo, serve sempre un senso, serve sempre una meta.

Perciò auguriamo a tutti i nostri ragazzi che sono andati di affrontare al meglio queste loro nuove avventure. E a quelli che sono arrivati, di avere il tempo di tregua necessario per riuscire a essere sereni. Accogliamo con affetto i colleghi che sono tornati e speriamo di riabbracciare presto quelli che sono andati via.

Katia Sacco